Home > Malattia del gioco delle macchinette

Malattia del gioco delle macchinette

Malattia del gioco delle macchinette

Giocatori non problematici che usano il gioco nel suo aspetto più sociale e di svago. Tra le variabili che concorrono a determinare la patologia troviamo:. Variabili sociodemografiche e genetiche. Per esempio il sesso maschile sembrerebbe essere maggiormente esposto a questo rischio. Allo stesso modo, avere un familiare affetto dalla stessa dipendenza.

Tali recettori hanno un ruolo essenziale nella motivazione, nel piacere, memoria, controllo del movimento e apprendimento. Una caratteristica importante sembrerebbe essere la sensation seeking ricerca di emozioni , cioè la tendenza a ricercare il rischio e le esperienze eccitanti. Come un paracadutista troverebbe questa emozione lanciandosi da un aereo, allo stesso modo un giocatore prova forti emozioni nel rischiare di perdere, nonostante il suo desiderio sia quello di vincere. La prima, detta anche fallacia di Montecarlo. Questo fenomeno si verifica quando il giocatore tende a sopravvalutare la propria possibilità di successo in seguito a una sequenza di previsioni inesatte o di scommesse perse.

Il giocatore tenderebbe a stimare come bassa la probabilità di vincere in seguito a una scommessa vinta. Per esempio è stato osservato che quando tirano i dadi, i giocatori se vogliono ottenere un punteggio alto li lanciano con più forza rispetto a quando vorrebbero ottenere un punteggio basso. Lo studioso Custer nel mette a punto un modello delle fasi che il giocatore attraversa:. Fase Vincente. In questo primo momento la persona gioca per puro divertimento. Fase Perdente. Da quanto tempo hai smesso? Perché hai smesso? Perché la gallina? Quanto hai perso? Va bene, ho capito, grazie. Non esiste una ricetta fissa per evitare la dipendenza, ma basta solo fare affidamento sulla buona disciplina.

E inoltre in un momento in cui ci si sente particolarmente fragili, meglio evitare di giocare. Se vi sembra ad esempio che giocare alla roulette al casino oppure online, sia la vostra unica ragione di vita, il vostro primo pensiero al mattino, allora sarà il caso di allarmarvi perché potreste essere vittime di una dipendenza. Correre un rischio è parte integrante del gioco, ma bisogna considerarlo sempre relativamente, in modo tale da non esagerare. Diventa la tua vita e vivi per esse…. So di essere malato, ma per quanto mi sforzi di chiedere aiuto alla mia famiglia, mi blocco e ci giro intorno al discorso, dicendo a loro che voglio cambiare vita.

Mi sono dato dei limiti, tipo non uscire e evitare certi bar. Ma quella volta che esco ci ricasco. Ormai ho perso tutto e mi sono fatto dei debiti. Su questo sito puoi trovare un esempio di un programma di recupero. Qualsiasi cosa ti dicano al centro di recupero per giocatori patologici ti consiglio di eseguirla alla lettera. Come sempre, non ti auguro buona fortuna perchè come avrai capito… non esiste. Perchè in fondo quando stiamo bene e quando siamo in contatto coi nostri cari, siamo forti. E raggiungiamo i nostri obiettivi. Ciao ragazzi, mi chiamo Ciro, leggendo questo articolo 2 mesi fa, ho pensato: Perché non devo arrivare nemmeno al quinto giorno del mese, allora mi son detto come ne sono entrato devo uscirne da solo, i soldi me li sudo come ognuno di noi, perché buttarli via?

I primi giorni è stato difficile, non guardavo nemmeno le macchinette quando entravo al bar per comprare le sigarette, adesso quando entro e sento anche qualcuno che scarica dei soldi penso, chissà quanto ci ha messo, sperando che abbia recuperato qualcosa e che un giorno smetta anche lui di giocare. È troppo bello entrare in un bar e non pensare a quale macchinetta giocare, uscire con i soldi in tasca cosa che prima non accadeva, anzi si ricorreva sempre al continuo prelievo di altro denaro..

Spero che anche voi troviate la forza dentro che ho avuto io senza dover ricorrere a psicologi o altro, ma solo se vi rendete conto dell effettivo problema e ne capite le ragioni potete uscirne con tranquillità, credetemi è più facile di quel che si pensa, basta solo volerlo davvero.. Un caro saluto a tutti, vi auguro un immediata guarigione da questa malattia. Abbiate fede in voi stessi. Caro Simone ho iniziato a giocare alle slot quando avevo 13 anni quindi ben 5 anni fa. Ora è una malattia sono convinto di essere malato. Ho squagliato oro rubato dai bussolotti e tante altre cose schifose.

Mi sono rovinato con quelle cose. Prima di rovinarmi del tutto potresti darmi qualche consiglio su come uscirne senza ricorrere allo psicologo o ad altri dottori? Non voglio considerarli perché ci sono entrato io e voglio uscirne io da solo. Grazie e buona serata. Questa idea di volercela fare da soli è una totale cazzata scusa il francese. Il primo passo se vuoi uscirne davvero è andare dai tuoi parenti e metterli al corrente della tua situazione.

Poi sceglierete assieme uno psicologo o potrai andare al SERT. Ma la chiave di tutto il problema è riallacciarti in modo profondo coi tuoi parenti. Ciao a tutti gioco e spero di dirè giocavo perché è un mese che nn gioco.. E alla fine mi son rotto il cazzo perché potevo dare a mia figlia una vita migliore nonostante nn le manca niente cmq.. La soluzione del portafogli in mano agli altri è altrettanto concreta e utile, tuttavia non potrà essere definitiva. Prima o poi quando ti sentirai pronto potrai anche fare altri passi avanti e trovare in te la forza di trovare un modo migliore di dedicare il tuo tempo e il tuo denaro.

Il problema è che in quel periodo ero una promessa del calcio del mio paese,tutti mi lodavano,sia per doti fisiche,tecniche, che umane. Purtroppo,sia per un carattere molto timido,sia per questo cazzo di dipendenza dal gioco, ho fallito con il calcio. Ora non lavoro più,mi sono licenziato, voglio dare una svolta alla mia vita, ad Agosto inizio la stagione con la prima squadra del paese che milita in serie D , voglio spaccare tutto!!! Io se fossi in te sentirei una forte pressione da parte delle aspettative degli altri.

Ok la voglia di farcela, OK la voglia di ricominciare ma attenzione… la prima droga è comunque il bisogno di sentirci perfetti, superiori, sempre vincenti. La cosa che ci insegna bene la dipendenza dal gioco è imparare a perdere. La situazione è cambiata nel quando dopo aver vinto 1. Adesso ho deciso di dire basta ma vorrei chiederVi se è possibile continuare a giocare cercando di tornare ad un gioco più accettabile ovvero senza perdite importanti: Vi prego …una risposta urgente…. Ciao Tommaso, la differenza fondamentale tra gioco socialmente accettabile e gioco patologico è quello che sei disposto a perdere per continuare a giocare.

Se per giocare metti a rischio o rinunci a pezzi di vita, rapporti con le persone, lavoro ecc… i soldi passano in secondo piano. Ti consiglio di fare il test che trovi sul sito di GiocaResponsabile, mette in relazione vari momenti della tua giornata e gli impulsi di giocare che arrivano e al termine ti da una valutazione di massima sul tuo stato attuale.

Ciao a tutti, sono Mauro e scrivo da Roma, ho iniziato a giocare nel , prima le comma 6 e poi le VLT, ho lavorato per molti anni nelle sale slot come sicurezza, conoscevo tutti e tutti conoscevamo me, li vedevo per ore ed ore fare sempre la stessa cosa, giocare.. Per me quello della sicurezza era un secondo lavoro e nn riuscivo a capire dove trovassero tutto quel tempo per trascorrerlo il una sala….

Ho iniziato anche io…già…mi sono ammalato di onnipotenza, non chiamatela ludopatia, piuttosto chiamatela onnipotenza del furbo…ovvero di chi pensa che con pochi soldi se ne possano fare molti…avendo molta disponibilità economica penso di aver giocato intorno ai duecentomila euro più una sessantina di quelli vinti e rigiocati…. Nn giustifico nessuno di tutti voi come nn giustifico me stesso, giochi perché ti piace, senza cercare il significato più recondito delle nostre azioni…si gioca perche ci fanno gola i soldi ….

Ciao, La macchinetta mi ha completamente distrutto! Ero sposato con una bellissima donna e avevo una bellissima figlia che non vedo da 10 anni. Il gioco mi ha fatto perdere tutto! Ho preso anche me stesso. Adesso vado in giro senza neanche un euro. Mio stipendio va direttamente a mio fratello per pagare i miei debiti e le bolletti mensile. Se voi smettere di giocare deve smettere di andare in giro con i soldi. Soldi e la macchinetta sono una copia inseparabile. In bocca al lupo ragazzi!!! Ciao Manzoni, grazie per la testimonianza. Mi chiedo quante di queste storie dovremo ancora leggere prima di vedere un movimento serio e capillare di rimozione delle slot.

Con questo post nn voglio essere arrogante o cattivo con i giocatori, personalmente credo di conoscerli abbastanza… si. Anche loro precipitati nel vortice delle vlt, quelle nn le controlli, sono feroci e ti levano tutto…. Ciao Mauro grazie di nuovo per il tuo commento, purtroppo ognuno ha i suoi motivi e soprattutto le sue illusioni per continuare a buttare la vita nelle macchinette. Simone sei una brava persona, nn devo insegnarti nulla… ma ahimè, il mio punto di vista e quello. E penso: Poi torno in auto e prendo gli altri nel portafoglio. Ora mi chiedo: Avrei potuto comprare una casa. Mi son mangiato i risparmi di una vita.

Mi vergogno di me stesso. In tutti questi anni ho buttato via un sacco di tempo e denaro. Voglio smettere una volta per tutte, accettando la sconfitta e iniziando una vita nuova. Altrimenti non riesco ad uscirne. QUANTI soldi ci saranno dentro se ogni volta che abbiamo degli euro in più e che vogliamo giocarci , invece li infiliamo nella scatola???? Soldi che avremmo buttato nel cesso?

Credo ,comunque, che ci siano persone messe peggio di me,perché vedo con i miei occhi le banconote che infilano nelle vlt……. Scusatemi per il mio sfogo. Ciao Anonimo, pubblico questo tuo bel messaggio anche se è identico, nella sostanza, a quello di tutte le altre persone. Che tu abbia perso euro o Perchè il gioco sta in piedi solo perchè qualcuno ci guadagna, e quel qualcuno non siamo noi. Dopo 6 anni di attesa siamo riusciti a metterci insieme un anno fa, è un uomo meraviglioso e lo amo tantissimo ma ho scoperto k ha questo grande ed insopportabile vizio delle maledette Slot.

Dopo aver cercato di farglielo capire in pace sono arrivate le litigate al punto di dirgli k se tornava a giocare fra di noi era finita, invece lui ha scelto di restare con le macchinette. Mi dispiace solo vedere come se rovina la vita, e come perderà una delle uniche cose belle k ha. Io ho perso le speranze. Ciao a tutti spero che questo commento potrà far riflettere tutti voi e me stesso. È una forte dipendenza da 2 anni a questa parte, quando ovviamente ho avuto la mia prima vincita importante. Da quel giorno si è scatenato in me qualcosa di indescrivibile ed incontrollabile. Ho bisogno di una dose ogni giorno o quasi!

Inutile dirvi che tutto quello che ho in tasca e di reperibile in quel momento finisce tutto dentro la slot o sito online che sia. Nella mente mi si innesca un meccanismo di scuse surreali!! Provo immensa vergogna per tutto questo ripetendomi ogni giorno di non commettere più gli stessi errori.. Cerco di farmi forza pensando ai sacrifici di mia madre o a tutte le cose belle che ho e delle quali mi sto privando, ma questo infame di gioco vince sempre!!

Ho provato anche ad iscrivermi al sito gioca responsabile ma dopo il secondo appuntamento con il terapeuta non li ho più chiamati, mi sentivo ancora più male, più malato più pazzo. Di sicuro leggere questi commenti mi ha motivato e anche spaventato molto per quello che potrebbe ancora accadermi Buona fortuna a tutti.. La malattia è una cosa positiva, ci fa imparare molto su noi stessi e ci da la possibilità di tornare sani, equilibrati. Ciao a tutti, sono un ragazzo di 24 anni e gioco da quando ne avevo Quello che volevo trasmettere come messaggio e come riflessione è semplice.. Pur vincendo.. Chi gioca tenterà sempre di aumentare i propri limiti,di scommettere piu di quello che possa e appena avrà vinto qualcosa…..

Di fatto siamo esseri umani dotati di intelletto… che senso ha giocare.. Sono fermo da 3 ore su questo blog e ho letto e riletto ogni testimonianza. Grazie Simone per questo blog e per la possibilità che dai a tanti di noi di confrontarsi e capire qualcosa in più su questo tragico problema, saluti. Per avere una comunicazione pubblica degna di questo nome servirebbe dire che è statisticamente impossibile vincere se si gioca per un periodo medio-lungo. Ciao Simone, mi chiamo Salvatore e ho 20 anni..

Ciao Salvatore, è un piacere. Qualsiasi dipendenza cresce rigogliosa dove i sentimenti sono assenti o ignorati. Bellissimo blog!! Io sono la fidanzata di un maniaco casuale di giochi e azzardo, dico casuale perché non ha mai una lira e quando ce l ha una somma più grossa se la gioca tutta. In questi 2 anni, ogni mesi gli viene la voglia di buttare sui euro.

L ultima volta è stata una settimana fa quando si è giocato piu di euro piu qualche buffo, si e giocato tutto: Mi ha giurato che non lo farà più.. Vi dico solo una cosa maniaci che siete: Quanto ci vuole a dire di no!! Ho capito che volete recuperare i soldi oppure avete i buffi fino al collo ma se non smettete adesso le cose andranno solo a peggiorare! Siete esseri umani con la capacità di agire, pensare e decidere. Siamo in un paese libero dove solo voi scegliete le vostre condanne. Se volete essere LIBERI abbandonate questo vizio altrimenti rimanete schiavi del governo e delle vostre amiche scommesse, macchinette, bingo ecc!!

Ciao Amy, ti racconto una storia. Lui e io condividevamo gli alloggi del personale, quindi avevo occasione di passare con lui molto tempo sia negli orari lavorativi che nel tempo libero. Una sera a settimana tuttavia andava dai suoi amici cinesi, tornava ubriaco e senza un soldo in tasca. Gli chiedevo chi fossero questi amici e lui mi rispondeva che erano amici del gioco. Si trovavano in una specie di bisca per giocare a Majong, una specie di poker fatto con le tessere del domino.

Una sera è tornato tristissimo, quasi in lacrime. Aveva giocato i soldi del biglietto e i soldi del suo sogno che aveva quasi messo da parte. Giocando hai la certezza che la tua vita sarà messa in freezer, che non potrai farla procedere, che non potrai prenderti la responsabilità di figli o compagne o mogli… perchè sei a zero. Sei fermo. Prima che la malattia del gioco penso che sia importante affrontare le paure che vivono dentro di noi e che trovano semplice sfogo in questo o quel vizio. Se vuoi stargli vicina, prendi quella paura e abbracciala, è con quella che dovrete convivere per costruire una famiglia. Recuperare un debito giocando di più è impossibile.

Recuperare un debito col lavoro e col sacrificio è lungo ma possibile. Visto che la tua amica ha probabilmente le idee annebbiate dalla dipendenza, tu devi averle invece molto chiare. Nel momento in cui glieli neghi spiegale che è per il suo bene, perchè fino a quando continuerà a pensare di potersi salvare col gioco, sarà nel pieno della dipendenza. Quando anche lei inizierà a capire il punto 1, ovvero cosa è possibile e cosa è impossibile, allora potrà ricevere prestiti, che dovrà utilizzare per rimettersi in piedi, per pagare la spesa, le bollette, ecc…. Potete scegliere di farvi carico del loro destino, ma nessuno vi darà la colpa se invece scegliete di allontanarvi e cambiare prima di tutto la vostra vita.

Io non riesco a capire come è possibile che lo stato non faccia niente per eliminerà questo problema molto serio. Io mi sento una persona intelligente e pure ci ricasco sempre. Mi rendo conto che sto distruggendo tutto. Ogni volta dico che non devo più mettere piede ma poi ci ricasco. Voglio provare ad uscirmene da solo. Pensate che possa essere possibile? Un Po di tempo fa sono riuscito a non giocare più di un anno. Poi ci sono ricalcato e troppo facile per me dire che la colpa sono stati i problemi personali che stavo avendo legati alla mia attività in un momento di crisi.

E pure non mi sento dipendente. Io fumo molto sono consapevole che fa male ma mi rendo conto che è difficilissimo smettere. Anche in questo caso un modo migliore per ottenere questi obiettivi sta nel dedicarsi maggiormente alla famiglia ed agli amici. In questo ambito, il trovare un qualcosa che riesca ad appassionare come uno sport o un hobby, riesce di fatto ad eliminare queste spiacevoli sensazioni. Sentire la voglia di giocare è del tutto normale, ma con le scelte giuste ed un adeguato supporto, ignorarla risulterà sempre più semplice. Quando si avverte una certa voglia di giocare, bisogna sempre mettere in atto delle meccaniche che permettano di contrastarla come ad esempio incontrare un amico per un caffè, o semplicemente conversare con un familiare o un collega.

Esistono diverse strategie che possono aiutare a distrarsi dal gioco, come ad esempio:. La cosa più importante in assoluto è capire che guarire è un processo complesso e che richiede tempo, e che il modo migliore di farlo, è imparando dai propri errori. Il primo aspetto da comprendere riguarda il come capire se una delle persone care è affetta da questo problema.

Esistono diversi criteri che possono aiutare allo scopo:.

Gioco d'azzardo patologico: cosa è e come uscirne

Sassari, il coraggio della moglie di un falegname di 36 anni che ha il marito dal vizio del gioco, da quella malattia che lei chiama da slot. Cosa è, come si manifesta e come cercare di uscire dal circolo vizioso della non è stato infastidito (o piacevolmente colpito) dal suono delle macchinette così . Richiesta: un mio familiare ha il vizio del gioco, come posso aiutarlo? malata, ed è la sua malattia (in questo caso il gioco) a dirgli cosa deve fare, dire La presa in carico della persona con dipendenza da gioco d'azzardo. Secondo i dati del rapporto Eurispess il gioco coinvolge in Italia fino al % della popolazione adulta (circa 30 milioni di persone). Comprensione del problema del gioco e la dipendenza dal gioco imbattere in una malattia, la Ludopatia, causata dalla dipendenza da gioco d'azzardo. sensazioni sgradevoli legate a fattori della vita quotidiana, come ad. Io per quanto scappo da questo problema il problema delle macchinette .. Uscire dalla malattia del gioco si può, combattere la voglia si può ma di certo la . Il gioco infatti attiva i neuro trasmettitori del piacere, come la dopamina, esattamente come accade con l'assunzione della cocaina. Questo sveglia dunque un.

Toplists